Mercoledì, 24 Maggio 2017 (S. Corinna)

Sei in: News » Età moderna e contemporanea » Mengele, il medico carnefice al servizio della scienza nazista

  • mail

Mengele, il medico carnefice al servizio della scienza nazista

Storia dell'angelo della morte di Aushwitz

18/02/2016, 20:55 | Età moderna e contemporanea

Joseph Mengele, passato alla storia come dottor morte l’angelo della morte, fu un antropologo e un medico tedesco. Figlio di un imprenditore meccanico e di una donna cattolica, Mengele è uno studente brillante. Conseguita la laurea in antropologia a Monaco di Baviera e entrato in contatto con i Nazionalsocialisti, intraprende gli studi medici  e nel 1938 dopo solo 4 anni di università indossa la seconda corona d’alloro. Il relatore della sua tesi – nella quale porta avanti studi sulla Cheiloschisi – è l’illustre scienziato nazista Freiherr von Verschuer. Mengele ha un’ossessione: diventare un medico che la storia avrebbe ricordato per le sue scoperte. Nel 1943, ritenuto inabile al combattimento per lievi ferite riportate in battaglia, di trasferisce ad Aushwitz dove  dirige un centro di ricerca medica. Ha il compito di selezionare i prigionieri che giungono al campo: Mengele con un cenno decide chi deve sopravvivere e chi deve andare “a fare la doccia”. Nel saggio di Roert J. Lifton, “I medici nazisti: la psicologia del genocidio”, pubblicato in Italia da Rizzoli nel 2003, si legge come il dottore al centro di selezione dei bambini avesse tracciato su un muro una riga all’altezza di 150 cm ordinando alle SS di mandare nelle camere a gas tutti i bambini che non la raggiungevano in altezza. Tra le sue ricerche privilegia quelle sui gemelli siamesi. Alla stazione del campo “seleziona” si i nuovi arrivati ma esclude dalla selezione i gemelli – di ogni età – che porta con se nei laboratori. I suoi collaboratori, antropologi e medici,  sono reclutati tra gli stessi prigionieri e lo assistono nei suoi studi. Le testimonianze di questi sono contrastanti. Alcuni riferiscono di una crudeltà spietata di dottor morte: pare che uccise una dozzina di gemelli nella stessa notte con iniezioni di fenolo in seguito a un esperimento mal riuscito, che tentò di creare artificialmente gemelli siamesi cucendo gli arti due bambini zingari e che non di rado selezionasse belle ragazze tra le deportate e dopo averci passato la notte le uccidesse (o le facesse uccidere) in modo che sua moglie non sapesse nulla. Mengele studiò nani, zingari ed ebrei da medico e antropologo, arrivando a definirli“espressioni malformi e anomale della razza umana”.  Altri suoi collaboratori parlano invece di un Mengele benevolo e caritatevole, di un professionista esemplare che con la “scusa delle ricerche” sottraesse molti bambini, gemelli, zingari ed ebrei a una morte certa.
 

Angelo della morte o angelo custode?

Quel che è certo è che i pazienti – o meglio le cavie – di Mengele potevano godere di razioni di cibo superiori e di un trattamento privilegiato rispetto al resto dei deportati. Altrettanto vero è che non esistono tantissime testimonianze sul tipo di esperimenti condotti dall’angelo della morte. Come riporta lo storico Davide Cesaroni nei suoi studi, il medico-antropologo svolse il suo spietato dovere fino al giorno prima dello sgombero del campo. Poco prima dell’arrivo dell’armata Rossa ordinò infatti lo sterminio di tutti i suoi pazienti ma non fu possibile eseguire la sentenza per l’esaurimento delle scorte di gas. Scappò dalla Germania eevitò il processo di Norimberga. Come Adolf Eichmann ottenne documenti falsi corrompendo gli amministratori di un comune altoatesino. A Genova si imbarcò per il Sud America dove peregrinò a Buenos Aires, in Paraguay e in Brasile, spostandosi spesso per sfuggire ai servizi segreti israeliani Mossad, a quelli americani e anche tedeschi. Morì di infarto all’età di 67 anni sulla costa atlantica del Brasile. Ispirò film, libri e canzoni tra le qualiAngel of Death degli Slayer.

Traduzione di Angel of Death degli Slayer dall’originale Inglese. ( video e canzone su youtube al seguente indirizzo http://www.youtube.com/watch?v=K6_zsJ8KPP0 ) 

Auschwitz, il significato del dolore
Il modo in cui voglio tu muoia
Morte lenta, deperimento immenso
Docce che ti ripuliscono della tua stessa vita
Costretti a forza
Come bestie
Fuggi
Privato del
Valore della tua vita
Cavie umane, per l’Angelo della morte
400.000 e più devono morire
Angelo della morte
Monarca del regno della morte
Sadico, chirurgo della fine
Sadico del sangue più nobile

Distruggendo, senza misericordia
A beneficio della razza ariana

Chirurgo, senza anestesia
Senti il coltello perforarti con intensità
Inferiore, senza valore per l’umanità
Percosso, mentre invochi la morte
Angelo della morte
Monarca del regno della morte
Macellaio infame
Angelo della morte

Riempito di benzina, nel tuo cervello
La pressione nel cranio comincia a
spingere attraverso gli occhi
Carne che brucia, si scioglie
Il calore brucia la pelle,
la mente comincia a bollire
Il freddo glaciale, spacca la labbra
Quanto puoi resistere
in questo sepolcro di acqua ghiacciata?
Restiamo insieme, uniamo le nostre teste
E’ solo questione di tempo
Prima di venire fatto a pezzi
Milioni giacciono fuori nelle loro
Tombe affollate
Metodi disgustosi per raggiungere
L’Olocausto
Mari di sangue, vite seppellite
Odora la tua morte mentre brucia
In profondità dentro di te
Occhi che sanguinano
Pregando per la fine
Dell’incubo ad occhii aperti
Ondate di dolore, ti raggiungono
La sua faccia di morte fissa in basso,
Il tuo sangue scorre freddo
Introducendo cellule, occhi morenti
Alimentati dalle urla dei
mutanti che sta creando
Patetiche vittime disarmate
Lasciate a morire
Rancido Angelo della morte
Che vola libero

Angelo della morte
Monarca del regno della morte
Infame macellaio,
Angelo della morte

Angelo della morte

Ignazio Angelo Pisanu

Apri un portale

Newsletter



Lavora con noi

Contatti

redazione@cronacastorica.net

facebook